Lettori fissi

15 gennaio 2018

BIGOLI ALLA CARBONARA

Ve lo confesso, noi a casa ADORIAMO Alessandro Borghese. La TV a casa è costantemente piazzata sul canale 8, e il nostro programma preferito è Quattro Ristoranti. Proprio l'altro giorno erano in sfida quattro trattorie romane, a colpi di amatriciana, trippa e “cacio e pepe”. Ma la regina della sfida è stata lei, la mitica Carbonara!


E quindi ieri sera, ingolositi, anche noi ci siamo preparati un fantastico piatto di Bigoli alla Carbonara.

Ecco gli ingredienti che ho utilizzato per 2 persone:
  • 250 gr. di bigoli;
  • 4 fette di guanciale (circa 200 gr.);
  • 2 tuorli d'uovo;
  • 1 cucchiaio di pecorino;
  • pepe.

Ecco come ho proceduto:
  • Innanzitutto ho tagliato il guanciale a cubetti, l'ho messo in una padella e l'ho fatto soffriggere fino a renderlo croccante.
  • Nel frattempo ho sbattuto i due tuorli con un pizzico di pepe e un cucchiaio di pecorino.
  • Ho fatto cuocere i bigoli in abbondante acqua salata, e li ho scolati leggermente al dente.
  • Ho aggiunto i bigoli al guanciale, e ho fatto mantecare velocemente con il composto di uova e pecorino.
  • Ho servito con un'ulteriore spolverata di pecorino.

Nella speranza di poter gustare un giorno un piatto di vera Carbonara in una tipica trattoria romana, ho comunque adorato anche questa versione, anche se in futuro aggiungerò un altro tuorlo perché la preferisco più cremosa.


Con questo vi saluto, e vi do appuntamento a presto..

9 gennaio 2018

MAGIC-PASTA AI CARCIOFI

Buongiorno a tutti...

In questo ultimo periodo sto rispolverando un prodotto conosciuto grazie all'attività di blogger, e che da subito ho amato per la sua utilità. Sto parlando di Magic Cooker, il coperchio grazie al quale possiamo cucinare con meno grassi sfruttando il vapore naturalmente prodotto durante la cottura e veicolato dalla speciale forma del coperchio stesso.

Oggi vi presento una MAGIC-PASTA AI CARCIOFI.


Questi gli ingredienti per 2 persone:
  • 180 gr di gnocchetti sardi;
  • 500 gr di fondi di carciofi surgelati;
  • 1 cucchiaio di olio evo;
  • 1 cucchiaio di estratto vegetale Nahrin;
  • Aglio;
  • Prezzemolo;
  • Grana grattugiato a piacere.

Ecco la preparazione:



  • Innanzitutto ho fatto scaldare qualche minuto la padella sulla fiamma viva, quindi ho versato i fondi di carciofo surgelati e mezzo bicchiere d'acqua e ho coperto con Magic Cooker. Ho lasciato cuocere per 5 minuti, senza alzare il coperchio, sempre a fuoco alto.
  • Trascorsi i 5 minuti, ho tagliato a quarti i fondi di carciofo, ho aggiunto un cucchiaio di olio evo, uno di estratto vegetale Nahrin, abbondante prezzemolo e aglio tritati finemente. Ho aggiunto un ulteriore bicchiere d'acqua, ho mescolato e ho rimesso sulla fiamma viva, coprendo di nuovo con Magic Cooker. Ho lasciato cuocere altri 5 minuti.
  • A questo punto, ho aggiunto la pasta, ho mescolato per bene e ho aggiunto ancora dell'acqua, fino a coprire il tutto. Ho rimesso la padella sul fornello, ma ho abbassato la fiamma e ho continuato la cottura per i minuti indicati sulla confezione.
  • Infine, ho impiattato la pasta, e ho servito con abbondante grana grattugiato.

Come vedete, i condimenti utilizzati sono davvero pochi, quindi il piatto risulta molto leggero. Inoltre, la cottura di Magic Cooker mantiene inalterati i sapori delle verdure, così i nostri piatti saranno più golosi e con meno “schifezze”.
Conoscete o usate il sistema Magic Cooker? Come vi trovate?

Sperando di conoscere il vostro punto di vista e di leggervi presto, vi saluto...

8 gennaio 2018

Le recensioni dello zio Stefano : Amo Essere Senza Glutine

È passato tanto tempo dall'ultima recensione. Tanto che rileggendo i post mi rendo conto sono cambiate diverse cose! E molti nuovi prodotto sono stati messi sul mercato. Quindi, prima di partire con nuove recensioni ho deciso di "aggiornare" le categorie già visionate.

In particolare vorrei soffermarmi su una nuova linea di prodotti nominata Amo essere senza glutine, reperibile nei negozi della catena Eurospin.


Ecco dunque i primi prodotti che vado descrivendo:

  • PREPARATO PER PANE E PIZZA: voto 7 1/2
Il prodotto finale è buono. L'impasto lievita ma non troppo. Forse (e dico forse) si può percepire anche una lievissima nota di integrale. E nel pacchetto è compresa pure una bustina di lievito.

  • FROLLINI AL COCCO: voto 9-
Beh, qui assegnare un voto è stato semplicissimo. Essendo gli stessi identici spiccicati biscotti della "Molino di ferro" mi è bastato rileggere la recensione pubblicata il 20/06/14 e fare copia e incolla.

  • PASTA: voto 8+++
Creata mixando farine di riso e mais, si trova nei classici formati a fusilli, penne rigate e spaghetti. Ed è proprio quest'ultimo formato a determinare il successo di questo prodotto: in un mondo dove gli spaghetti senza glutine possono arrivare a SCIOGLIERSI letteralmente nell'acqua di cottura, trovare una marca che superi alla grande questo scoglio sembra quasi un utopia. Ma loro sono riusciti a farcela!!

  • CORNETTI GELATO: voto 9
Un ottimo gelato alla panna in un cono che sia un vero cono! Punta di cioccolato compresa! Che altro posso aggiungere di più?

Concludo con una altra nota positiva rispetto a questa linea: dal punto di vista concorrenziale non vi è partita, l'economicità di questi prodotti rispetto a tante altre marche in voga da anni arriva ad essere  imbarazzante!

Certi di rileggerci presto, vi saluto...


Immagini tratte dal web

3 gennaio 2018

L'Almanacco dello Zio Stefano

Caro 2017...
Come è successo per i tuoi predecessori, vediamo per cosa meriti di essere ricordato...


Ammetterai di essere stato un anno particolarmente "estremista".

In un solo anno Donald Trump ha fatto più casini di due legislature Bush. Anche se ad onor del vero, pure Kim Jong-un ci ha messo del suo.
Sei stato l'anno dei "presidenti quasi per caso" Emmanuel Macron e Sebastian Kurz.
Sei stato l'anno dei sexscandali del Mondo del cinema, partiti in America e giunti in Italia.
Sei stato l'anno della Catalogna che grida "Indipendencia".
E sull'onda di questo grido quest'anno il lombardo-veneto a suon di referendum può permettersi di gridare "Autonomia".
Sei stato l'anno del ritorno di Berlusconi in politica con una prepotenza proporzionale all'aumento delle scorte di Maalox nei cassetti di mio padre.
Sei stato l'anno della valanga di Rigopiano. Però sei stato anche l'anno della tanto attesa legge sul biotestamento. Legge giunta pochi mesi dopo la vicenda di dj Fabo.

Sicuramente sei stato l'anno di Francesco Gabbani e del suo amico primate.
Sei stato l'anno di "Saluta Antonio".
Sei stato l'anno in cui Amanda Lear è diventata il titolo di una canzone.
Sei stato l'anno di "E l'oscar per il miglior film va a... (ooooooohhh)...LA LA LAND!Congratulazioni! Ah no aspetta, ci siamo sbagliati".
Sei stato l'anno degli spinner.
Sei stato l'anno della love story tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez.
Sei stato l'anno versatile di Fedez, che piange alle Iene, litiga con Marracash via web e mostra l'anellazzo alla Ferragni.
Sei stato l'anno in cui i dirigenti Disney mangiando un Fonzie hanno detto "non possiamo rischiare di godere solo a metà" e hanno deciso così di comperarsi la 20 Century Fox.
Sei stato l'anno degli asteroidi sterminagenitori della pubblicità del Buondì Motta.

Sei stato l'anno di Neymar pagato due reni dal PSG.
E, restando in tema di calcio, noi ti malediremo a lungo perché ci hai portato via Francesco Totti dal calcio giocato, e ancor di più perché l'Italia è stata fatta fuori dai mondiali del prossimo anno per mano della Svezia.


Un anno di addii celebri specialmente nel mondo del cinema, con i saluti di Roger Moore e Jerry Lewis, ma anche Paolo Villaggio, Tomas Milian, Gastone Moschin. Senza contare altri Big come Paolo Limiti, Aldo Biscardi che ha vissuto quel tanto che gli è bastato per vedere il primo esperimento di moviola in campo, o il mago Zurlì che al contrario non è arrivato arrivato a festeggiare i 60 anni dello Zecchino d'oro per poco. E come non citare Gualtiero Marchesi, il primo chef 3 stelle Michelin tutto Made in Italy. E ancora Daniele Piombi, Nicky Hayden, Gianni Boncompagni, e la lista sarebbe ancora lunga...
Vogliamo parlare di frivolezze? Nessun problema.
Cosa ho dimenticato?

2 gennaio 2018

MEZZI RIGATONI INTEGRALI “PANNA” E FUNGHI

Buongiorno a tutti...

Mai come in queste giornate di bagordi siamo alla ricerca di qualcosa che soddisfi la nostra voglia di qualcosa di buono, ma facendo attenzione a non esagerare troppo con le calorie. 


Fortunatamente ci viene in aiuto la nostra amica Degustabox, grazie a cui abbiamo ricevuto gli ingredienti principali della nostra ricetta di oggi: i Mezzi Rigatoni Integrali di Delverde (qualche box fa) e la Cuisine Soya di Alpro (nella box di dicembre). Grazie a loro abbiamo potuto gustare un delizioso piatto di MEZZI RIGATONI INTEGRALI “PANNA” E FUNGHI.

Ecco i miei ingredienti per 2 persone:
  • 300 gr di funghi champignon affettati;
  • 180 gr di Mezzi Rigatoni Integrali Delverde;
  • 1 confezione di Cuisine Soya Alpro;
  • 1 dado vegetale;
  • 1 cubetto di Magie d'Aroma Knorr al prezzemolo;
  • Sale grosso q.b.;
  • Olio evo;
  • A piacere grana grattugiato.


Ed ecco la mia preparazione:
  • Ho tagliuzzato grossolanamente i funghi, e li ho messi a trifolare in una pentola capiente, assieme ad olio evo e al dado vegetale. Io aggiungo sempre anche un mezzo bicchiere d'acqua, e lascio stufare.
  • Nel frattempo ho fatto bollire l'acqua, che poi ho salato, quindi ho buttato la pasta e l'ho lasciata cuocere per i minuti indicati sulla confezione. La pasta integrale rimane piacevolmente duretta all'assaggio, quindi fate attenzione se la volete ben cotta: rischiate di spaccarla!
  • Ho aggiunto la pasta ben scolata ai funghi, e li ho mantecati con la “panna” Alpro. Quindi ho servito caldo. A piacere potete aggiungere una manciata di grana grattugiato.


Devo dire che ho particolarmente apprezzato la pasta integrale, ottima. La “panna” vegetale invece è un po' più liquida rispetto a quella tradizionale, comunque il sapore è buono.


Sperando di avervi dato un buono spunto, a presto...




1 gennaio 2018

SALATINI RICCHI DI SFOGLIA

Bentornati e a tutti buon anno!

Come è stato il vostro 2017? Il mio tanto, troppo stancante... spesso ho perso di vista le cose importanti, e mi sono persa nei ritmi di una quotidianità che a lungo andare rischiava di soffocarmi e di trascinarmi a fondo... poco tempo per me, i miei affetti, e i miei piaceri. Uno su tutti, la cucina.
Natale è stato un momento per riprendere in mano un po' queste passioni, ritagliarmi dei momenti di riflessione, ed azzardare qualche nuovo piatto.


Per questo oggi vi vorrei offrire un aperitivo augurale, con i miei SALATINI RICCHI DI SFOGLIA.

Ecco i miei ingredienti:
  • 2 rotoli di pasta sfoglia rotonda;
  • 1 avocado maturo;
  • 1 mela Granny Smith;
  • 75 gr. di salmone affumicato;
  • 100 gr. di lonzino di maiale affettato;
  • olio evo;
  • aceto balsamico;
  • sale.

Ed ecco la mia preparazione:
  • Innanzitutto, ho sbucciato l'avocado (preservandone il seme, che mia madre pianta e coltiva). Quindi l'ho tritato grossolanamente utilizzando il Turbochef Tupperware, e l'ho condito con un pizzico di sale, un filo d'olio evo e una spruzzata di aceto balsamico. Poi nello stesso modo ho ridotto in poltiglia anche il salmone affumicato.
  • Ho sbucciato la mela, e l'ho tritata sempre con Turbochef, quindi l'ho condita con sale e un pizzico di olio evo. Col medesimo sistema ho ridotto il lonzino.
  • Ho steso le sfoglie, ed ho diviso la pasta in otto spicchi. Io ho utilizzato Croissant Party, sempre di Tupperware.
  • Alla base del triangolo ho steso il ripieno. Nelle prime, un cucchiaio di avocado e uno di salmone; nelle seconde uno di mela e uno di lonzino.
  • Ho arrotolato i croissant, partendo dalla base. Io li ho fatti belli “grassi”, e non sono riuscita a farne delle brioscine perfette, ma il ripieno ha una consistenza tale da non essere eccessivamente “sfuggente”.
  • Ho cotto in forno caldo a 200° (come riportato sulla confezione della sfoglia) per circa 20 minuti.




Li ho serviti ancora tiepidi, assieme ad un analcolico, per brindare al Natale. Sono piacevolmente gustosi e “ricchi”, quindi tenetene conto pensando all'appetito dei commensali e al momento in cui verranno serviti. Sono ottimi come antipasto, e rimangono buoni anche serviti freddi.

Sperando di leggerci presto, vi auguro ancora uno sfavillante 2018...

Un bacione..

24 luglio 2016

Oltre il carrello... Verdevero

Salve a tutti, e ben ritrovati!
Oggi, per la rubrica "Oltre il carrello c'è di più" volevo parlarvi di uno store online da cui ho avuto il piacere di acquistare nelle scorse settimane.
  • Come si chiama e dove si trova?

Lo store è Verdevero.it, raggiungibile al sito www.verdevero.it.
  • Che cosa vende?

Verdevero si occupa principalmente di detersivi biologici e biodegradabili.
  • Pagamento e spedizione?

Verdevero accetta come pagamento tutte le carte di credito del circuito Visa e Mastercard, i bancomat  e le prepagate Maestro e Electron, Paypal e bonifico bancario. E' possibile pagare in contrassegno con una spesa aggiuntiva di 4,50 €.
L'ordine viene normalmente spedito entro 2 giorni lavorativi, tramite corriere. La ditta si impegna ad avvisare il cliente quando la merce lascia i proprio magazzini per la presa in carico da parte del corriere. Le spese di spedizione ammontano a 9,15 € per ordini di entità inferiore ai 39,90 €, dopo di che il trasporto sarà gratuito.
  • Cosa ho comprato?

Alcuni mesi fa mi sono iscritta alla newsletter di Verdevero, e su di una di esse ho ricevuto un'interessante offerta: un kit semestrale di detersivo ecologico per ricreare in casa il proprio "negozio alla spina". Per la cifra di 68,00 € ho quindi acquistato 3 taniche da 5 litri ciascuna di detersivo ecologico (per piatti a mano, per bucato, multiuso), i 3 bocchettoni per creare appunto la "spina", i 3 flaconi vuoti da riempire col detersivo sfuso, le etichette adesive da apporre sui flaconi con denominazione e inci del detersivo contenuto, un panno di microfibra e un fascicoletto di consigli su pulizia e cura della casa dal titolo "La rivoluzione delle pulizie".
  • Le mie considerazioni

Premetto che le considerazioni si baseranno solo sull'acquisto fatto e non sull'effettiva efficacia dei prodotti, che devo ancora testare a sufficienza. Per quanto riguarda la gestione della spesa fatta, sono soddisfatta. Ho fatto l'ordine una domenica mattina, di quelle con il "paypal facile". Registrarmi al sito ed acquistare il kit è stato semplice, non ho incontrato particolari difficoltà. L'ordine è stato evaso il giorno seguente, ed è stato recapitato dopo altri 3 giorni. Ho pagato con paypal, ed anche qui non ho incontrato particolari difficoltà. L'ordine è arrivato velocemente, tutto perfettamente imballato in una scatola che sembrava fatta ad hoc, di cartone robusto. All'interno, un biglietto a firma "Alessandro" (apprendo dal sito, responsabile di spedizione e logistica) si sincera delle condizioni del pacco, spronandomi a comunicare eventuali difetti ed anomalie riscontrati al ricevimento dell'ordine. Inoltre, il team ha aggiunto alcuni campioncini di prodotti ecobio beauty adatti a grandi e piccini. I prodotti ordinati sono arrivati in perfette condizioni. Ho inoltre particolarmente apprezzato che il panno in microfibra fosse di Eudorex, un brad che ho imparato ad amare e che utilizzo abitualmente e che ritengo sinonimo di affidabilità (potete leggere qui la mia collaborazione con loro).
  • Consigliato?
Si, ripongo molta fiducia in questa azienda, una di quelle che "ci mette la faccia" e crede nel lavoro che fa. La cura e la dedizione che utilizza è evidente anche nelle piccole cose (il biglietto all'interno del pacchetto, i campioncini beauty... e la newsletter colloquiale con cui il co-fondatore Fabrizio offre spunti di riflessione sul mondo dell'eco-bio e vantaggiose offerte commerciali...). Naturalmente non posso ancora promuoverla in pieno finché non avrò testato per bene i loro prodotti, ma già da ora sono già ottimista di non ricevere brutte sorprese!

Conoscete Verdevero, o comunque utilizzate già prodotti per la casa eco-bio? Se vorrete condividere le vostre esperienze in un commento, ne sarei davvero entusiasta!
Per ora vi saluto, e vi dò appuntamento a presto!